27 / nov / 2016 Contemporarities/ The Planets di Gustav von Holst (1916)

ingresso: 12 € - 16.30

“Il festival Contemporarities è stato da noi pensato in stretto collegamento con la neonata collana discografica 19’40” (www.19m40s.com) e con l’ensemble musicale Esecutori di Metallo su Carta,formazione composta da musicisti di diversa estrazione e dedita all’interpretazione di musica scritta, trascritta, sabotata del repertorio classico, novecentesco e contemporaneo.
Con il festival Contemporarities vorremmo restituire, in una prospettiva assolutamente unica ed originale, frammenti importanti di quella grande musica che sembra appartenere quasi esclusivamente alle tradizionali istituzioni e troppo poco ai veri spazi di aggregazione sociale e popolare della città di Milano.”

Enrico Gabrielli e Sebastiano de Gennaro, ideatori della rassegna

Domenica 27 Novembre, 2016 ore 17.00

The Planets 1916 – Gustave von Holts

I pianeti, op. 32 (The Planets) è una suite per grande orchestra in sette movimenti, scritta dal compositore inglese Gustav Holst fra il 1914 e il 1916.

Ognuno dei sette movimenti reca nel titolo il nome e il carattere astrologico di un pianeta:

  1. Mars, The Bringer Of War
  2. Venus, The Bringer Of Peace
  3. Mercury, The Winged Messenger
  4. Jupiter, The Bringer Of Jollity
  5. Saturn, The Bringer Of Old Age
  6. Uranus, The Magician
  7. Neptune, The Mystic

Curiosità: Plutone fu scoperto dopo la composizione e la prima della suite, e un ottavo movimento dedicato a questo pianeta fu composto da Colin Matthews. Il 24 agosto 2006 tuttavia l’Unione Astronomica Internazionale ha declassato Plutone da pianeta ad asteroide (pianeta nano), sicché l’opera di Holst risulta completa, in riferimento al novero dei pianeti veri e propri del Sistema solare, e il lavoro extra fatto da Matthews inutile.
Daniela Bezzi, oboe
Yoko Morimyo, violino
Pietro Molteni, viola
Matteo Vercelloni, violoncello
Carlo Sgarro, contrabbasso e basso elettrico
Luciano Macchia, trombone e flicorno tenore
Emanuele Maginzali, tromba
Luca Medioli, corno
Sebastiano De Gennaro, percussioni ed elettronica
Matteo Lenzi, percussioni ed elettronica
Ethel Colella, arpa
Damiano Afrifa, pianoforte e organo elettrico
Enrico Gabrielli, clarinetti, flauti, tastiere

Marcello Corti, direzione
Andrew Quinn, visual

quinn

 

Back to Listings